Kodi Home Theater Software è un programma open-source che consente di organizzare, catalogare e gestire contenuti multimediali. Kodi, un’evoluzione dell’Xbox Media Center (XBMC), è disponibile per le piattaforme software più diffuse (Windows, iOS, OSX, Android, Linux e Raspeberry Pi).

Perché utilizzare Kodi

L’utilità di Kodi è quella di centralizzare, attraverso un’unica interfaccia, l’accesso ai nostri contenuti audio e video, alle nostre immagini, alle nostre sottoscrizioni Youtube, Vimeo, Netflix, Prime, ecc. Il software è in grado di riprodurre i formati audio, video, e immagine più diffusi.

Kodi è supportato e sviluppato dalla community Kodi per questo sono disponibili moltissimi add-on in grado di personalizzare l’interfaccia e le funzionalità del software migliorando l’esperienza utente.

Grazie agli add-on possiamo visualizzare le ultime notizie, le previsioni del tempo, personalizzare la visualizzazione dei contenuti, scaricare le fanart dei film e delle serie TV.

Come funziona

Scaricare e installare la versione di Kodi adatta al proprio dispositivo dal sito Kodi.TV, dal Google Play o dall’App Store. Io ho installato Kodi sul mio player Minix Neo X7 (ne ho parlato nell’articolo: Minix – Trasforma il tuo vecchio televisori in una smart TV).

Dopo avere installato Kodi, la prima cosa da fare è creare la libreria dei contenuti. Kodi gestisce nativamente 4 tipologie di contenuti: Film, Serie TV, Audio, e Immagini.

Per creare una libreria dobbiamo configurare le sorgenti indicando il percorso di memorizzazione dei contenuti. I dati possono stare su uno share di rete, su un HD esterno o sull’HD del PC.

Possiamo configurare sorgenti multiple organizzando i contenuti in cartelle, una per tipologia di contenuto e i contenuti possono essere memorizzati su dispositivi diversi.

Completata la configurazione delle sorgenti,  Kodi inizia la scansione (scraping) delle sorgenti configurate. Ogni sorgente supporta un solo tipo di scraper.

I miei contenuti sono memorizzati su di un NAS (QNAP, soluzioni NAS per la casa) dove ho configurato come sorgenti della mia libreria alcune cartelle.

Gli scraper

Gli scraper sono dei software che funzionano utilizzando i nomi dei file, contenuti nelle cartelle sorgenti, come chiave di ricerca nei database dei film, delle serie TV e della musica (es. IMDB, TVDB, AudioDB).

Gli scraper si connettono ad Internet scaricando ed associando ad ogni contenuto dati come: titolo, trama, attori, punteggi, immagini, fanart nel caso di film e serie TV. Per la musica le informazioni tipo possono essere: titolo album, titolo brano, autore, copertina disco, ecc.

Per favorire il processo di scraping i contenuti devono essere organizzati in cartelle.

Per i film consiglio di copiare il file video del film all’interno di una cartella con lo stesso nome del file video.

Cartelle film

Cartelle film

Per le serie TV invece, creare una cartella principale con il nome della serie e tante sottocartelle quante sono le stagioni.

Cartelle serie TV

Cartelle serie TV

Nella cartella di ogni stagione inserire i file degli episodi, il nome di ciascun file deve avere il prefisso <Titolo Serie>.<Stagione><Episodio>.<Titolo Episodio>.

Nomenclatura serie TV

Nomenclatura serie TV

Il lavoro di organizzazione e nomenclatura dei file e delle cartelle può essere fatto attraverso dei software dedicati. Per Windows consiglio TheRenamer.

The Renamer

The Renamer

I temi

L’interfaccia di Kodi può essere personalizzata grazie ai numerosi temi disponibili. I temi, anche se diversi per stile grafico, condividono tutti le stesse funzionalità base.

Conclusioni

Se cercate un software in grado riprodurre le tipologie di file audio e video più diffuse, raccogliere, organizzare e presentare in maniera accattivante i contenuti della vostra videoteca, corredarli di dati aggiuntivi, immagini e grafica, Kodi è la scelta ideale. E’ disponibile anche per gli smartTV con sistema operativo Android.

Rispetto a Plex ho trovato Kodi più performante e ricco di estensioni. Kodi offre una maggiore flessibilità e possibilità di personalizzazione.

Anche l’accesso a contenuti video su Internet è molto semplice e veloce grazie ai numerosi add-on disponibili (es. YouTube, Vimeo, Flickr, Netflix, ecc).

Provatelo, non rimarrete delusi.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata