Il DJI Mavic Air è l’ultimo drone presentato dalla DJI che non smette mai di stupirci con continue novità. Solo qualche giorno fa avevo parlato del DJI Tello, drone giocattolo adatto ai più piccoli, ed ecco che, dopo qualche giorno, DJI presenta il Mavic Air, una via di mezzo fra lo Spark e il Mavic Pro. In realtà, per alcune caratteristiche, il Mavic Air sembra addirittura essere migliore del fratello maggiore Mavic Pro, ma andiamo ad approfondire le caratteristiche di questo nuovo drone.

dji mavic air

DJI Mavic Air

DJI Mavic Air

Rispetto al Mavic Pro, l’Air pesa ben 300g in meno ovvero solo 430g. Pur pesando più dello Spark, da chiuso l’Air risulta più compatto grazie ai braccetti dei motori ripiegabili come quelli del Mavic Pro.

dji mavic chiuso

DJI Mavic Air – Chiuso

Dal punto di vista della portabilità la DJI ha raggiunto il top sfruttando il meglio dei due droni precedenti.

Anche nel reparto sensori, l’Air sembra fare un salto di qualità introducendo i sensori anticollisione posteriori e la nuova tecnologia VIO (Visual Inertial Odometer) che migliora la stabilità del volo (anche in interni).

dji mavic sensori posteriori

DJI Mavic Air – Sensori posteriori

Per esaltare ancora di più la portabilità del Mavic Air, la DJI ha pensato anche al radiocomando, permettendo di smontare le leve che spesso risultano scomode all’intero di zaini e borse. Il controller però perde il comodo display presente sul radiocomando del Mavic Pro che permette di avere informazioni preziose nel caso si perda la connessione con lo smartphone.

DJI Mavic Air – Remote controller

Nel reparto video e foto il Mavic Air va a coprire le mancanze dello Spark avendo il 4K addirittura a 100Mbps e il formato RAW per le foto. Il Gimbal è a 3 assi mentre per lo Spark è solo a 2.

Fra le funzionalità automatiche introduce: il controllo tramite gesture, già visto nello Spark; i video quick shot, con due nuove modalità Asteroid e Boomerang che creano degli effetti molto accattivanti; mentre per le foto è stata introdotta una nuova modalità panorama a 360°.

Colori e prezzi

L’Air è disponibile in 3 colori: bianco (come mostrano le foto precedenti), rosso e nero.

mavic air rosso

Mavic Air rosso

mavic air nero

Mavic Air nero

Il prezzo è più basso rispetto al Mavic Pro, si parte da 849 euro per la versione base e 1049 euro per la combo. Quest’ultima aggiunge altre due batterie, il caricabatterie multiplo, 2 set di eliche, la borsa da viaggio e il power bank USB che permette di utilizzare le batteria del Mavic per ricaricare altri dispositivi.

Ordina il nuovo Mavic Air

 

Mavic Air vs Mavic Pro

Questo Mavic Air sembra il drone perfetto, ma allora perchè bisognerebbe acquistare ancora il modello Pro e che differenze ci sono esattamente? Naturalmente il principale vantaggio dell’Air è il peso, solo 430g, come già detto, circa 300g in meno rispetto al Pro. Inoltre l’Air è più compatto sia da chiuso che da aperto. A favore del Mavic Pro però ci sono ancora vari fattori.

Autonomia maggiore: 27 minuti  del Pro contro i 21 dell’Air.

Distanza massima maggiore: il Pro può arrivare a 7Km in USA e 4Km in Europa,  contro rispettivamente 4Km e 2Km dell’Air. La differenza fondamentale è che la trasmissione dell’Air è esclusivamente tramite Wi-Fi (potenziata dal remote controller) mentre nel Pro la trasmissione è Ocu-Sync, più affidabile e meno soggetta ad interferenze rispetto al Wi-Fi. 2Km potrebbero sembrare comunque tanti ma ricordiamoci che è un limite difficilmente raggiungibile in condizioni non ottimali, per via delle interferenze.

Controllo migliore: sebbene l’Air abbia il controllo tramite Gesture, il Pro offre maggiori opzioni automatiche di volo professionale.

Mavic Air

Mavic Air

Mavic Pro

Mavic Pro

La latenza video, ovvero la velocità con cui il video ripreso dal drone arriva sul vostro smartphone è peggiore nel Mavic Air (170-240ms contro i 160-170 del Mavic Pro). Questo, unito al minor range di distanza, potrebbe voler dire vedere il video a scatti. In situazioni critiche potreste non essere in grado di capire bene cosa stia succedendo intorno al drone.

Per quello che riguarda i fattori video e foto, il Pro ha, in più, la modalità cinema 4K a 24fps mentre l’Air è in grado di effettuare uno slow-motion a [email protected] contro i 96fps del Pro. Il Mavic Pro raggiunge i 3200 ISO nei video contro i 1600 dell’Air che però arriva a 3200 per le foto. Il bitrate a 4K è migliore nell’Air essendo a 100Mbps contro i 60Mbps del Pro.

Quale scegliere?

Il prezzo del Pro è di ben 350 euro superiore a quello dell’Air, anche se bisogna dire che si trovano diverse offerte intorno ai 1000 euro che riducono la differenza tra i due modelli a soli 150 euro.

Quindi quale conviene scegliere? Il mio consiglio è quello di prendere l’Air se siete alle prime armi o se cercate il massimo della portabilità senza comunque rinunciare alla qualità video.  Se invece cercate un’alternativa ad un drone professionale, con maggiore autonomia, distanza raggiungibile e funzionalità di volo, scegliete il Pro.

Video

Vi lascio con il video di presentazione del Mavic Air che potrebbe togliervi eventuali dubbi sull’acquisto.

 

 

A proposito dell'autore

Achille

Ingegnere per professione, fotografo per passione. Mi piace tutto ciò che a che fare con la tecnologia, su cui concentro la maggiorparte del mio tempo libero insieme al kitesurf, sport scoperto negli ultimi anni che da subito mi ha rapito. Comprare online è una cosa che mi appaga e dare consigli agli amici su quale sia il prodotto adatto a loro mi viene naturale.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata